Press "Enter" to skip to content

Categoria: OpenCorporation Observatory

Attrazione fiscale: multinazionali italiane nei Paesi Bassi

di Anna Maria Romano, CGIL Toscana, Vice-Presidente di UNI-Europa Finance, esperta di problemi finanziari di CTS OpenCorporation

Perchè il gruppo #FCA ha sede nei #PaesiBassi? E perché, come loro, decine di migliaia di aziende europee e straniere?
#taxation #covid19 #Netherlands

Germany and Covid-19 – The Various Responses to COVID-19 Hide the Need for a Common Approach

By Michael Whittall and Mae Whittall

We should not let the praise for Germany’s COVID-19 response blind us to the fact that the country has underlying social problems, too. Like journalists’ reporting on the Virus, social scientists have at times been complicit in ignoring the neo-liberal tendencies in the European Union’s leading economy.

A comparison of health care systems in Europe: structural trends in the face of Covid-19

Davide Dazzi, Ires Emilia-Romagna and OpenCorporation

In continuity with what has already been reported in a previous article on the different relationship between public and private in national health systems in the face of the Covid-19 threat, an attempt will be made here to give a comparative observation point to understand how the capacity to react in the present also depends on divergent structural trends in national health systems in Europe. And if indeed the “post Coronavirus” must be different from the “before”, it becomes more and more important to question the way it was before.

I sistemi sanitari in Europa a confronto: tendenze strutturali di fronte al Covid-19

di Davide Dazzi, Ires Emilia-Romagna e OpenCorporation

In continuità con quanto già riportato sul diverso rapporto tra pubblico e privato nei sistemi sanitari nazionali di fronte alla minaccia del Covid-19, qui si tenta di restituire un punto di osservazione comparata per comprendere come la capacità di reazione nel presente dipenda da tendenze strutturali divergenti dei sistemi sanitari nazionali in Europa. E se veramente il “dopo Coronoavirus” deve essere diverso dal “prima”, diventa sempre più importante interrogarsi sul com’era prima.

Hungary and Covid-19: impact on tourism

Lajos Böröcz, Hungarian Hospitality Employers’ Association Secretary General

The events promised catastrophic consequences for the the tourism sector. Almost all the 1050 hotels have also closed the doors in lack of guests and tens of thousands of sectoral employees have returned from their Austrian, German, British restaurants-hotels, that have also closed down.

Ungheria e Covid-19: impatto sul turismo

Lajos Böröcz, Hungarian Hospitality Employers’ Association Secretary General

Il Coronavirus ha prodotto conseguenze catastrofiche nel settore del turismo. Quasi tutti 1 1050 alberghi sono chiusi in mancanza di ospiti. Decine di migliaia di lavoratori del turismo sono tornati dagli altri paesi europei più duramente colpiti dal Covid-19.

Covid-19: virus globale e risposte nazionali

Il Coronavirus si sta diffondendo in tutto il mondo dalla Cina agli Stati Uniti passando per l’Europa, Africa e America Latina. Se il virus è globale, le politiche e le strategie continuano ad essere nazionali mettendo in evidenza approcci e reazioni distinte e tenute diverse dei sistemi democratici. Qui di seguito si riportano due articoli in cui si passano in rassegna le diverse risposte nel mondo all’espansione del Covid-19

Spagna nell’emergenza Covid-19: una soluzione comune per uscire dalla crisi e decidere il futuro

di Michela Albarello, CCOO di Catalunya

Cercando di salvaguardare la salute e il diritto alla vita in modo compatibile con il mantenimento al minimo dell’economia, attraverso successivi decreti legge si sono adottate, principalmente, diverse misure di intervento.

La risposta lenta, incerta e confusa all’epidemia di Coronavirus negli Stati Uniti

di Matt Hancock, consulente in sviluppo organizzativo

Lo stesso giorno in cui gli USA hanno approvato il più grande pacchetto di stimolo economico della storia, gli americani hanno appreso che gli Stati Uniti avevano il più alto numero di contagi di COVID-19 del mondo, più di Cina e Italia