Press "Enter" to skip to content

Quis custodiet ipsos custodes?

“Il potere immeritato delle agenzie di rating”

Gabriele Guglielmi, Filcams CGIL Nazionale, Coordinatore OpenCorporation

In un bell’articolo dal titolo “Il potere immeritato delle agenzie di rating” pubblicato il 19 marzo ’21 sulla rivista Internazionale, JAYATI GHOSH, economista che insegna all’università Jawaharlal Nehru di New Delhi, prendendo lo spunto dal fatto che “l’agenzia di rating  Moody’s ha messo l’Etiopia sotto osservazione per un  possibile declassamento” ha scritto una tagliente e cruda analisi sul “potere straordinario e immeritato esercitato da poche agenzie di rating private”.

Le Top3 Agenzie di Rating Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch Ratings sono presenti nell’Osservatorio OpenCorporation, ma non nel Ranking ciò perché le informazioni pubbliche che le riguardano sono poche e non ne consentono una valutazione, curioso vero?

A seguire qualche informazione in più che, per la legge del contrappasso, è disponibile grazie alla banca dati Orbis di BVD che, guarda caso, è di una delle tre.

Secondo JAYATI GHOSH:

“la Security and exchange commission (Sec, l’autorità di vigilanza della borsa statunitense) le ha riconosciute come organizzazioni ufficiali di rating statistico. E molti investitori istituzionali devono piegarsi alle loro decisioni”

“ Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch Ratings  controllano più del 94 per cento delle valutazioni di riferimento del credito.”

Ma quanto è opaca la Trasparenza?

A parte Fitch Ratings LTD che fa parte del mondo “PrivateHEARST CORP con oltre 250 “subsidiaries

Anche STANDARD & POOR’S RATINGS GROUP è una azienda “Privata”, e “private” sembrano purtroppo anche le informazioni che ci interesserebbero,  mentre MOODYS EVALUATIONS INC  è controllata da  MOODY’S CORPORATION, delle tre,  è la sola pubblica/quotata e sono “pubbliche” le informazioni di oltre un centinaio di shareholders, siano essi fondi di investimento o aziende. Questo è l’elenco “Current shareholders”  di MOODY’S CORPORATION.

Scrive JAYATI GHOSH delle “tre agenzie di rating”: “E hanno rilevanti partecipazioni incrociate.

Grazie a Moody’s CORPORATION, azienda pubblica/quotata,  abbiamo l’elenco dei “Current shareholders “ della medesima.  Presumendo che anche l’ Agenzia di Rating controllata da HEARST CORP e la stessa S&P adottino un “pantografo” simile a quello di MOODYS EVALUATIONS INC constateremo che ad es. “UBS GROUP AG via its funds” possiede lo 0,85% di Moody’s CORPORATION. Moody’s assegna “Ratings” a UBS Group AG la stessa cosa vale per Fitch Ratings

Ovviamente la stessa azienda “UBS “  pubblica tutti i propri “Credit ratings”: Fitch, Moody’s e pure quello Standard & Poor’s.

JAYATI GHOSH rincara la dose citando un “recente rapporto” di

Yuefen Li, l’esperta delle Nazioni Unite sul debito estero e i diritti umani, le agenzie di rating non devono rendere conto a nessuno dei loro errori.”

“Inoltre, fa notare Li, i conflitti d’interesse abbondano. Le agenzie di rating sono aziende private, finanziate per lo più dalle istituzioni che in teoria dovrebbero giudicare. E poiché fanno parte dei mercati che valutano, il loro interesse privato modella inevitabilmente i loro processi decisionali.”

Al proposito che i “conflitti d’interesse abbondano “,  ecco un altro interessante punto di osservazione “interlocking directorates”

Tabella Top20  di occupa più “ruoli” (Elaborazione OpenCorporation su dati Orbis-BVD). Per i primi dieci almeno una poltrona al giorno, domeniche comprese (in pandemia probabilmente solo “a distanza”)

Per ulteriori approfondimenti, questa è la fotografia scattata a Marzo 2021 “Interlocking_Top 3 Rating Agencies

Be First to Comment

Lascia un commento