Press "Enter" to skip to content

Lotta globale all’inquinamento da microplastiche

Gabriele Guglielmi, Filcams CGIL, Coordinatore di OpenCorporation

Dal 1 gennaio 2020 l’Italia ha vietato il commercio di prodotti cosmetici contenenti microplastiche. Si tratta di un primo passo avanti, che ha posto il nostro Paese all’avanguardia, ma non è ancora abbastanza.

Il divieto riguarda solo una ristretta categoria di cosmetici, ne esclude molti altri, e non tocca le altre categorie merceologiche in cui le microplastiche vengono aggiunte intenzionalmente. Per migliorare la normativa italiana e per sostenere l’Europa affinché faccia da battistrada nella lotta globale all’inquinamento da microplastiche GreenPeace ha lanciato questa petizione: “BASTA PLASTICA, DENTRO E FUORI I PRODOTTI CHE ACQUISTIAMO!”

A supporto della campagna di Greenpeace, e prendendo spunto da alcuni articoli, che citano test e ricerche sia di Greenpeace che della rivista tedesca Öko-Test, apparsi su greenme  a cura di  Francesca Biagioli e Germana Carillo

Mascara: troppi conservanti, plastica e addirittura arsenico. Tra i peggiori L’Oréal e Primark

Plastiche e microplastiche nei cosmetici: Lush, Sephora, Maybelline tra i peggiori. Si salva solo Purobio

Scrub per il viso: ancora troppo pieni di microplastiche. Il peggiore è il Nivea

il team di OpenCorporation ritiene di poter dare una mano.

Come?

Mettendo  a disposizione i dati e le informazioni dell’Osservatorio OpenCorporation per consentire una comparazione sulle aziende non solo su cosa e come producono e commercializzano ma anche su come si comportano.

Qui un elenco con i dati comparati delle aziende (clicca qui)

ad esempio:

CHRISTIAN DIOR LVMH MOET HENNESSY LOUIS VUITTON L’OREAL BEIERSDORF AG (Nivea)  DIRK ROSSMANN GMBH COTY INC. PRIMARK STORES LIMITED

Qui le schede aziendali elaborate da OpenCorporation su dati Orbis-BvD (clicca qui)

Svilupperemo approfondimenti specialistici con gli interventi degli esperti del CTS  (Comitato Tecnico Scientifico) di OpenCorporation. La prima sarà Simona Fabiani che per la CGIL nazionale coordina le politiche per il clima, l’ambiente e il territorio

Be First to Comment

Lascia un commento