Press "Enter" to skip to content

Attrazione fiscale: multinazionali italiane nei Paesi Bassi

di Anna Maria Romano, CGIL Toscana, Vice-Presidente di UNI-Europa Finance, esperta di problemi finanziari di CTS OpenCorporation

Come annunciato sul sito ufficiale della Juventus e della Ferrari, la famiglia Agnelli e le sue società hanno deciso di donare 10 milioni di euro alla Protezione Civile a sostegno dell’emergenza che sta coinvolgendo l’Italia. Sono stati acquistati anche 150 respiratori e materiale medico-sanitario. E’ “sceso in campo” pure Silvio Berlusconi, che ha devoluto 10 milioni di euro alla Regione Lombardia.

Inoltre, apprendo da Borsa Italiana che molte società che avevano approvato il dividendo 2020, sono state costrette a ripensarci a causa dell’emergenza Covid-19. Le banche in primis, poiché la BCE ha imposto di bloccare lo stacco della cedola a causa delle probabili ricadute dell’emergenza coronavirus in ambito economico e della necessità di ripatrimonializzare perciò i bilanci delle stesse. Accanto a queste, tutta una serie di società industriali come Amplifon, PirelliSalvatore Ferragamo, CNH Industrial hanno invece deciso di bloccare, di loro iniziativa, lo stacco della cedola. Fiat Chrysler Industrial  ha semplicemente deciso di rinviare la decisione finale rimandando l’assemblea degli azionisti a giugno.

A staccare il dividendo 2020, relativo all’esercizio 2019, sono oggi Campari e  Ferrari.

Buoni e cattivi? Le aziende italiane acquisiscono una coscienza valoriale?

Andiamo a guardare un po’ meglio nella scatola.

Prima di tutto direi che non c’è da plaudire a queste azioni, perché da persona che lotta per un mondo più equo, la beneficenza ha il sapore della diseguaglianza, quando non è accompagnata da azioni reali di rispetto e condivisione di un’economia di giustizia.
E sì perché quei milioni donati allo Stato e alla sanità pubblica erano stati precedentemente distolti, anno dopo anno, dalla fiscalità italiana con un’azione semplice: trasferire la sede legale delle aziende o delle holding detentrici del controllo in un paese a fiscalità leggera come è l’Olanda.

Oggi Exor, holding finanziaria controllata dalla famiglia Agnelli e che oltre al gruppo automotive FCA, la compagnia di capital good CNH Industrial, il gruppo riassicurativo PartnerRe, la casa automobilistica Ferrari, la squadra di calcio della Juventus, il settimanale The Economist, il gruppo editoriale GEDI, proprietario dei quotidiani la RepubblicaLa StampaIl Secolo XIX, il settimanale L’Espresso, una catena di quotidiani locali e varie radio, è la prima società in Italia per fatturato e la 24ª al mondo.

Quindi, nello stesso gruppo politiche di dividendi contrapposte. E se da una parte la famiglia Agnelli richiama alla mente la nostra martoriata Torino, nella quale tanto si lotta per strappare vite al maledetto Covid-19, dall’altra ci deve essere chiaro che non si sta parlano più di un’azienda italiana, visto che ha sede in Olanda.

Perché Fiat (per non dimenticare di chi si parla) ha sede in Olanda? E perché, come loro, decine di migliaia di aziende europee e straniere? 
Si perché le maggiori corporation mondiali sono approdate ad Amsterdam, definendovi la propria sede, a Prins Bernhardplein 200 dove è situato il grattacielo di uffici di Intertrust, azienda specializzata nella creazione e domiciliazione di società di ogni genere. Questa sconosciuta società ospita gli affari di oltre 2.800 aziende europee e mondiali. Poco lontano ci sono anche la sede di eBay e Uber e  di Google.

I motivi di tanto successo per i Paesi Bassi, governati da una  coalizione fragile appesa a pochi voti, con l’estrema destra è pronta a sfruttare ogni debolezza per guadagnare consensi, sono sostanzialmente 2:

  1. Un fisco a dir poco leggero che permette ai proprietari delle aziende di pagare pochissime tasse. E di non pagarle in Italia. Questo significa meno servizi sociali, meno pensioni, meno welfare state, maggiore imposizione fiscale per tutti i quelli che svolgono attività in Italia. Drammaticamente questo oggi significa  meno posti letto in ospedale e in terapia intensiva; significa avere meno fondi per tamponi, meno mascherine, meno reagenti chimici. Significa meno soldi per la ricerca affidando la nostra salute ad enti privati.
  • Un diritto societario semplificato, che favorisce il controllo dell’azienda, attraverso il controllo ponderato del voto all’interno dei Consigli di amministrazione. La legislazione olandese consente all’azionista di maggioranza relativa di avere la maggioranza assoluta nel CdA e di esercitare un controllo totale sull’azienda anche con una quota di minoranza. Mettendosi al riparo dalle scalate.

Quindi, Exor, FCA, Ferrari sono olandesi per comodi e per niente etici motivi. Non sono neppure sole: Campari, il nostro aperitivo Italiano fa loro compagnia. E non finisce qui: ma questa è un’altra storia.

Be First to Comment

Lascia un commento