Press "Enter" to skip to content

I rider ai tempi del COVID-19 tra Europa e regionalismi

di Antonio Prisco, Union Riders Napoli e Nidil Cgil

L’attuale crisi sanitaria legata al contagio pandemico da COVID-19 mostra in modo sempre più palese la necessità di ripartire dagli ultimi, per non lasciare indietro nessuno. Nel mondo del lavoro, coloro che stanno patendo in tutta Europa il massimo inasprimento della loro condizione di disagio sono i già definiti «atipici» legati alla gig economy, i rider.

In questo frangente emergenziale, sono tra i lavoratori che si rivelano “indispensabili”, visto il ​​loro ruolo sociale di supporto sia a chi non può approvvigionarsi di materie prime autonomamente, sia a migliaia di esercizi – di ristorazione e non – che senza il loro servizio rischierebbero il crack economico. Tuttavia, essi si trovano da sempre a non vedersi riconosciuti i diritti basilari collegati al concetto di subordinazione, e spesso addirittura incitati a farsi abbagliare dall’idea di lavoro flessibile e di imprenditoria di se stessi, propinata dalle linee di circuiti presenti su tutto il territorio europeo.

A tal riguardo, l’UE e gli Stati membri hanno mandato avanti in vari modi un tentativo di codificare e tutelare il rider, ma senza alcun risvolto positivo in concreto[1]. Di fatti, gli Stati che hanno dato seguito all’input europeo o lo hanno fatto male o in maniera scoordinata. Nondimeno, alla luce del propagarsi del virus, si è profilata la necessità di interrompere l’attività di consegna che non è essenziale e la garanzia, per questi lavoratori, di poter accedere agli strumenti di sicurezza sociale messi a punto per fronteggiare l’emergenza. L’Europa, che si conferma ancora una volta essere delle nazioni, arroccata lontano dalla solidarietà, sta provando a contenere la diffusione del virus, ma non riesce a fornire sicurezza sociale ai lavoratori e a proteggere quelli tra loro più vulnerabili.

I lavoratori delle piattaforme stanno affrontando questa crisi consegnando cibo e merci a domicilio anche a coloro che sono in quarantena fiduciaria oppure positivi. Le loro precarie condizioni lavorative non danno loro altra scelta che continuare a lavorare, nella quasi totale e inaccettabile assenza di distribuzione di dispositivi di sicurezza individuali da parte delle aziende. Costretti a lavorare anche in presenza di sintomi che potrebbero significare aver contratto il virus, si ritrovano così a mettere a repentaglio la propria salute ma anche quella dei loro cari e della collettività. L’alternativa per loro è quella di perdere, nell’80% dei casi, la totalità del proprio reddito.

L’Europa, l’Italia e il regionalismo: la pandemia sulla pelle dei rider

L’Europa e gli Stati si dimostrano in questo momento coesi e sulla stessa linea, per quanto riguarda la figura del rider. In tutti gli Stati membri, con un silenzio assenso, si è permesso alle piattaforme di continuare a lavorare e a valutare questa categoria di lavoratori “sacrificabile”. Le quattro major del mercato del food delivery europeo (Glovo, Deliveroo, Just Eat e Uber Eats) hanno optato per un contributo una tantum di 25€ da corrispondere ai rider dopo la presentazione di una fattura per l’acquisto di mascherine, guanti e gel igienizzanti. Preme ricordare che la maggior parte delle piattaforme sta beneficiando delle opportunità che l’attuale situazione di chiusura al pubblico di negozi e ristoranti ha prodotto, con l’accentuarsi degli acquisti a domicilio. Ciò è supportato dalla mancanza di chiarezza giuridica da parte degli organi direttivi. Mentre infatti le principali catene di fast food stanno mettendo in pausa le loro attività in tutto il continente, le aziende di consegna online ritengono che questa sia la loro occasione d’oro.

Deliveroo, ad esempio, ha annunciato che in Francia nuove catene hanno aderito al servizio dall’inizio di marzo. Alla stessa stregua, in Italia, Uber Eats ha stretto in questo periodo di crisi un’importante partnership con la catena della GDO “Sole 365”, che consentirebbe loro l’apertura ad una maggiore quota di mercato; inoltre, ha siglato un nuovo accordo con Carrefour per organizzare una consegna in 30 minuti, assicurandosi l’ingresso nella grande distribuzione. Allo stesso tempo, però, tale scelta si è riverberata sui lavoratori del delivery, che hanno dovuto affrontare l’aggressività di alcuni clienti, la pressione dovuta all’aumento di consegne procapite, la paura di essere contagiati e la consapevolezza di ricevere ben poca considerazione dai governi e dalle stesse piattaforme.

Nel difficile quadro europeo, l’Italia vive l’aggravante della confusione tecnica e amministrativa. Il primo DPCM “Cura italia”, infatti, inquadra la figura del fattorino – tradizionale o afferente a piattaforma – come indispensabile: a tale definizione, però, le piattaforme hanno risposto con chiare operazioni di washing. Ne sono un esempio i vari fondi creati dalle aziende per i rider eventualmente contagiati durante il periodo di lavoro, finanziati con somme irrisorie e ben lontane dai parametri Inail.

Delle 52 piattaforme presenti sul territorio nazionale, solo quattro di esse detengono lavoratori su gran parte del territorio nazionale, in un numero pari al 70% della forza lavoro complessiva del settore. Solo una poi, Uber Eats, ha sviluppato un servizio per la richiesta dei dispositivi di sicurezza individuali, mentre le altre tre piattaforme maggiori si sono allineate alla pratica europea di rimborsare somme trascurabili per permettere ai rider di acquistare mascherine e guanti. Nel marasma Italia, si può evidenziare come le piattaforme di matrice territoriale siano le più virtuose verso i lavoratori, avendo proceduto alla distribuzione di dpi e, nella maggior parte dei casi, avendo instaurato con essi un rapporto di Co.Co.Co. e non una scrittura privata ai sensi del art. 2222 c.c., come invece fanno la totalità delle major.

Sulla confusa e disomogenea situazione dei rider in Italia al tempo dell’epidemia da COVID-19, c’è sicuramente da evidenziare l’influsso del regionalismo. Nello specifico, i due casi rilevanti sono quelli della regione Toscana e della regione Campania. In Toscana la Presidenza e la Giunta, per ovviare al continuo ritardo e alla reticenza delle aziende a fornire mascherine e altri dpi ai ciclofattorini, si sono sostituite alle piattaforme pagando e distribuendo come Ente regionale le mascherine. Seppur a prima vista tale decisione possa apparire come un gesto lodevole, non si può altresì non considerare l’iniziativa come una piena sottomissione al turbocapitalismo, ivi rappresentato dalle distorsioni e dai paradossi della gig economy, inaccettabili ai fini della costruzione di un processo di acquisizione di diritti da parte della classe lavoratrice. In Regione Campania, invece, si è verificato un vero e proprio crack di sistema innescato dalla decisione del Presidente della Giunta regionale, che, in risposta al DPCM “Cura Italia”, ha emanato l’ordinanza 13 del 12/03/2020 con la quale si vieta la vendita tramite la consegna a domicilio a tutti gli esercenti del comparto della ristorazione. Si è venuta così a creare una palese incongruenza all’interno del mondo del food delivery e delle piattaforme, in quanto si è implicitamente data la possibilità solo a due piattaforme sulle sette presenti sul territorio di continuare a lavorare, in virtù del loro pregresso rapporto con attività della GDO, farmacie e tabaccherie.

Come se tutto ciò non bastasse, il prolungarsi della lotta intestina tra i livelli di governo ha portato ad una situazione paradossale nel momento in cui il governo nazionale ha emanato i bonus di sostegno ai lavoratori in quarantena. I ciclofattorini campani sono stati del tutto lasciati al palo: da un lato essendo semplici prestatori d’opera non rientranti tra i beneficiari individuati dal Decreto, dall’altro non potendo esercitare la propria professione, viste le disposizioni regionali.

Con il funesto favore dei lockdown, in tutta Europa i rider sono passati repentinamente da invisibili a indispensabili, sino a diventare sacrificabili. Ma ora è forse il momento, per questa classe di lavoratori, di alzare la propria voce e urlare ancora più forte il loro bisogno di diritti, lottando per essere pronti a «riveder le stelle». Mai come questa volta senza alcuna retorica.

Appendice

Per consentire una visione ancora più approfondita sulle specifiche situazioni nazionali in Europa e nel mondo, sono di seguito elencati i contributi più significativi sul tema dei lavoratori della gig economy:


[1]  Per approfondimenti si veda: www.lavorosi.it/rapporti-di-lavoro/tipologie-contrattuali/nuova-direttiva-ue-sulla-gig-economy-maggiori-tutele-per-i-lavoratori/

Be First to Comment

Lascia un commento