Press "Enter" to skip to content

#Fca e #Renault a confronto

da Rassegna.it, Nozze FCA-Renault: se lo Stato è il grande assente

Al 2018, #Fca segnala un volume occupazionale di circa 198 mila dipendenti a livello mondiale, registrando una frenata rilevante rispetto al 2017 a causa della cessione di Magneti Marelli. A poca distanza la insegue #Renault con circa 183 mila dipendenti a livello globale. Rispetto alle prospettive occupazionali è difficile fare previsioni e le cautele sindacali appaiono giustificate. Nonostante le rassicurazioni di Fca, la configurazione societaria ipotizzabile come risultante dalla proposta di fusione al 50% con Renault sarebbe sicuramente espressione di un posizionamento eurocentrico ma non necessariamente italocentrico.

La quota di Exor, finanziaria della famiglia Agnelli, continuerà a detenere una quota prevalente, ipoteticamente al 14,5% rispetto al 29% attuali (il 42,11% attuali del gruppo Fca in termini di diritto di voto), mentre lo Stato francese, azionista oggi al 15% (il 28% in termini di diritti di voto) di Renault scenderebbe in linea teorica al 7-8%. Nell’inevitabile processo di riorganizzazione a fronte di possibili sovrapposizioni produttive – verosimilmente sul mercato europeo delle utilitarie – il posizionamento francese sarebbe rappresentato, e tutelato, anche dallo Stato, in qualità di azionista. Ad oggi, invece, lo Stato italiano non pare aver assunto, e nemmeno espresso, una posizione univoca su un possibile ruolo diretto o indiretto nello scenario post-fusione. L’assenza in Italia di una strategia pubblica di politica industriale e una maggior dipendenza tecnologica e di ricerca e sviluppo di Fca, soprattutto nell’elettrico, sono fattori che sembrerebbero non giocare a favore degli stabilimenti italiani.

La fusione tra FCA e Renault, inoltre, rappresenta un confronto tra modelli di relazioni industriali e di management diversi. La piattaforma OpenCorporation, spazio web e strumento opendata di informazione e analisi del comportamento delle multinazionali, produce un ranking dinamico delle principali multinazionali al mondo ponderando le diverse informazioni raccolte ed elaborate rispetto a 7 diverse aree tematiche: dal dialogo sociale alla responsabilità sociale, dalle politiche ambientali alla trasparenza finanziaria, dalle condizioni di lavoro alle politiche della diversità fino ad arrivare all’accessibilità per persone con disabilità.

Nell’OpenCorporation ranking il gruppo Renault si colloca in 20° posizione mentre il gruppo FCA in 57°. Un confronto più attento e puntuale per area tematica analizzata (qui il link alla scheda web di comparazione) sembrerebbe spiegare il gap tra i due gruppi industriali nella dimensione del Dialogo Sociale, ovvero una sezione tematica orientata ad indagare l’impegno contrattuale e partecipativo delle multinazionali. Appare quindi evidente come gli scenari post fusione rappresentino non solo sfide importanti da un punto di vista produttivo e di mercato ma anche un terreno di sperimentazione per nuovi percorsi di relazioni industriali a livello transnazionale a cui sono chiamate tutte le organizzazioni sindacali, a tutti i livelli.